Iniziano le lezioni, aule affollate, si segue anche in piedi

Economia Aziendale è il Corso di Laurea con più iscritti della facoltà di Economia con punte che negli anni scorsi, hanno superato le mille persone. Alle aule T durante le lezioni, gli studenti sono dovunque. Fra i banchi, sulle scale, sui bordi dei parapetti. Si fa così lezione anche di Matematica. Diritto si segue addirittura in piedi. Disagi che durano da anni, ma che non scoraggiano gli studenti. Renato Gentile non ha dubbi, Economia non è a numero chiuso e questo è un buon motivo per pensarci. “Non perché non voglia studiare, ma faccio l’animatore e non ho avuto il tempo di prepararmi per il test a Scienze Motorie, che pure mi interessava perché lo sport mi piace molto. Allora ho deciso di venire qui perché mi piacciono molto anche l’ambito finanziario, l’imprenditoria, l’azienda. Mio padre ha una piccola attività e mi piacerebbe svilupparla. Sono interessato alle materie, soprattutto Economia Aziendale, ma seguire sulle scale non è facile”. “Avevo scelto Economia già il primo anno del liceo, però ora sono indeciso tra il ramo aziendale e quello finanziario, che pure mi piace molto, perché sono affascinato dalla figura del broker. Voglio completare tutti e cinque gli anni e dopo spero in un lavoro in banca. Per ora do una mano a mio fratello con la sua agenzia di viaggi”, dice Vincenzo Di Domenico. “Mio padre produce caffè da quindici anni. Ha creato l’azienda dal niente e mi fa piacere continuare la sua attività. Mi piace l’economia, permette al mondo di muoversi” afferma Sara Riccio. Annie Ponderano, ha invece scelto Economia Aziendale dopo aver riflettuto un po’ anche sulla possibilità di iscriversi a Giurisprudenza: “mi piacerebbe fare marketing e pubblicità, magari frequentare un Master dopo la triennale”. “Penso che questa laurea offra maggiori sbocchi con minore sforzo. Non me la sarei sentita di studiare, per esempio, ad Ingegneria. L’economia invece, mi ha sempre interessato e un giorno vorrei lavorare nel settore bancario” sostiene Daniele di Capua che ha maturato questa scelta fin dai primi anni del liceo classico e riesce a seguire senza problemi perché: “arrivo molto presto, perciò mi siedo”. Curiosità, la motivazione alla base della scelta di Giorgio Accietto. Andrea De Palma, invece, ha deciso di iscriversi ad Economia Aziendale dopo aver superato il test a Scienze del Turismo: “l’ambito era anche interessante, ma ristretto. Il Corso di Economia Aziendale mi sta piacendo”. Come Renato e altri, prima di iscriversi ad Economia, Andrea ha provato a superare la prova di ammissione ad un Corso di Laurea delle Professioni Sanitarie. Nel suo caso Fisioterapia. “Mi interessava l’osteopatia in modo particolare, però sono contento anche di quello che studio qui”. “Ho scelto questa Facoltà per trovare più facilmente uno sbocco lavorativo” dice senza esitazione Emanuela Cavotti, primo anno di Economia delle Imprese Finanziarie, stessa classe di Economia Aziendale, ma Corso di studi diverso. Diplomata al liceo scientifico con indirizzo linguistico, parla inglese francese e tedesco e d’estate lavora in un albergo, all’accoglienza. La sua una scelta fatta scartando altre opzioni (Psicologia e Scienze del Servizio Sociale): “non so bene quale lavoro mi piacerebbe fare dopo, ma spero di riuscire a trovare un’occupazione che mi gratifichi, anche dal punto di vista economico”.
- Advertisement -





Articoli Correlati