Al Dises video- testimonianze di laureati di successo

Dai giovani in carriera alle future matricole. Si fonda sulle storie vincenti, di chi ha fatto un veloce e soddisfacente ingresso nel mondo del lavoro, “Storie di laureate e laureati di successo”, la serie di video-testimonianze realizzata dal Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche, DISES. L’iniziativa di orientamento in ingresso rientra nel Progetto di orientamento e tutorato per l’area economica (PAEC) finanziato, per il secondo anno, dal Ministero dell’Università e della Ricerca.
“L’obiettivo del DISES è affiancare, alle attività di orientamento consolidate, iniziative che siano appositamente centrate sullo studente”, spiega la prof.ssa Cristina Davino, responsabile scientifico del PAEC, a nome di tutto il gruppo di lavoro composto dai professori Rosaria Romano, Marco Gherghi e dal dott. Enrico Cafaro per il supporto tecnico. “Già lo scorso anno proponemmo una divulgazione della nostra offerta formativa Triennale con una logica di comunicazione innovativa, realizzando video in animazione anziché slide e lanciando la mascotte virtuale Sofia – prosegue la docente – Quest’anno abbiamo fatto un passo in più coinvolgendo i nostri migliori laureati e laureate, giovani che abbiamo premiato per i loro risultati o che hanno già avviato brillanti carriere”. Al momento sono a disposizione, sui canali di comunicazione del Dipartimento, otto video-testimonianze: “Non si tratta di interviste, attenzione. Sono piuttosto dei racconti che, in due o tre minuti, si focalizzano intorno ad alcune domande: perché la scelta di studiare Economia, quali sono state le difficoltà incontrate durante il percorso di studi, quanto è stata utile la formazione universitaria ai fini dell’attuale lavoro e quale consiglio si può dare ad un giovane che voglia iscriversi al medesimo Corso di Studi”. Quattro di questi laureati sono in Italia, in importanti realtà come Deutsch Bank, Volano Italia e Indra; altri quattro sono all’estero: “ad esempio, due dottorandi, uno ad Harvard e l’altro al Boston College e un ricercatore che adesso è in Spagna. Sono storie diverse tra loro, ma tutte accomunate da una passione che è nata durante gli studi e che poi ha portato lontano”. Il cantiere di lavoro, naturalmente, è più che mai aperto: “Questi otto video sono solo l’inizio e, nel tempo, vorremmo raccontare altre storie. Un’iniziativa come questa, del resto, è a beneficio anche dei nostri attuali studenti che potranno tarare bene il proprio percorso e trarre ispirazione per il futuro”. Nel cassetto, tuttavia, c’è anche un ulteriore sogno: “Avviare un’assistente virtuale sul nostro sito. Immaginiamo che la mascotte Sofia – nella Grecia antica Sophia era la personificazione della sapienza – possa interagire in sincrono con gli studenti rispondendo alle loro domande con un linguaggio semplice. I ragazzi, del resto, sono dei nativi digitali ed è importante stare al passo”. Il PAEC è uno dei Piani di Orientamento e Tutorato (POT) attivi in Ateneo: “Ed è importante la messa a sistema di tutti questi progetti, in uno scambio sinergico di idee e stimoli”.
Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati