Alessia: la vera ricetta “affrontare le sfide”

“Sembrerà strano ma sono una persona che ama vivere alla giornata e sono davvero rare le volte in cui mi sono chiesta dove mi vedo tra qualche anno, però questo modo di affrontare le cose mi porta quasi sempre a superare me stessa. Ad oggi per me non è importante eccellere o essere migliore di qualcun altro, semplicemente mi piace fare tante cose e conoscerne altrettante in modo da arrivare in futuro ad avere un bagaglio sia personale che professionale più chiaro e ampio”. È un fiume in piena Alessia Tessitore, 24 anni, iscritta al secondo anno della Magistrale in Ingegneria Biomedica, e prossima alla laurea con tesi su “un sistema di monitoraggio del guidatore basato sulla combinazione di dati provenienti da sensori fisiologici e da sistemi di rilevamento presenti nel veicolo stesso”. Energia da vendere e costante proiezione a vivere la giornata al meglio delle proprie possibilità: “Per me sta tutto nella volontà e, se si vuole davvero ottenere qualcosa, si trovano il modo e la forza per arrivarci, anche quando sembra impossibile, bisogna ricordarsi che nulla lo è se si ha la pazienza e tanta dedizione”. Dalla sua parte anche il centro SinAPSI – “mi è stato di grande aiuto” – che le ha permesso di ottenere sempre un posto in prima fila alle lezioni in quanto “portatrice di impianto cocleare”. Idee chiare anche sul significato del riconoscimento ottenuto dalla Federico II, che sottende una visione ambiziosa e totale della vita: “Per quanto mi riguarda, la vera ricetta penso che sia da sempre quella di affrontare le sfide, e, per quanto possa sembrare paradossale, più impegni ho e più obiettivi riesco a raggiungere. La mia vittoria è stata capire che il tempo è relativo, non conta quante cose si portano a termine in una giornata, ma come”.
Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it
- Advertisement -
spot_img
spot_img

Articoli Correlati