Giuliano e la sua grande passione per gli insetti

Socio della società di aracnologia italiana, una grande passione per gli insetti che lo contraddistingue fin da bambino, il progetto Erasmus che lo porterà prossimamente in Serbia e la voglia di approfondire in futuro la neurobiologia o le scienze naturali. Si potrebbe riassumere così, in breve, la storia recente e non di Giuliano Giacobelli, studente di 21 anni al secondo anno della Triennale in Biologia. Meritevole per i risultati raggiunti – media del 30 e circa quattro lodi – dice di aver “scelto questo campo da piccolo”. Oltre alla passione, un metodo di studio improntato alla qualità: “Cerco di imparare nella maniera più intelligente possibile legando tanti concetti tra loro, nel più breve tempo possibile”. Una virtù, ma pure una necessità utile a “permettermi di dedicarmi alla mia grande passione, gli insetti, che come dice mia madre risale al grande errore, ovvero l’avermi regalato un libro su questi straordinari esseri in tenera età. Da allora non riesco a farne a meno”. Non sono mancate, com’è normale che sia, qualche rinuncia e qualche difficoltà lungo il cammino: “Purtroppo ho dovuto accantonare la chitarra, perché non riuscivo a conciliare tutto. Inoltre il periodo monopolizzato dal Covid è stato difficile, vivere l’università in presenza per me è fondamentale”. Le aspirazioni per il futuro sono tante, ma “la strada da fare è ancora lunga, quindi preferisco concentrarmi sul qui ed ora e vivere alla giornata, pur conoscendo bene i miei obiettivi”.
Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati