Erasmus ed errori, congelata la graduatoria

E’ stato il caso di Rosaria N., studentessa iscritta ad un Corso di Laurea triennale, a far scattare l’allarme: troppi errori nella graduatoria Erasmus. “Il caso di Rosaria è emblematico perché – spiega Giuseppe Cozzolino, Presidente del Consiglio degli Studenti – lei si è trovata riconosciuta solo otto punti, quando, dopo un controllo, ci si è resi conto che ne mancavano all’appello ben 29. La studentessa ha notato che c’era qualcosa che non andava perché confrontando il suo punteggio con quello di una sua amica con gli stessi requisiti, si è accorta che fra loro c’era una differenza di circa 30 punti. L’Ufficio Relazioni Internazionali-Sezione Mobilità studenti ha addebitato questo incidente ad un errore di battitura, ma ci sono state segnalate altre incongruenze”.
“Abbiamo riscontrato degli errori che potremmo definire di distrazione, come nel caso della studentessa che per prima ha segnalato la questione, ed altri eventuali che stiamo andando a verificare”, conferma la dott.ssa Marina Guidetti, coordinatrice dell’Ufficio Relazioni Internazionali .
I rappresentanti degli studenti così hanno chiesto formalmente al Rettore Pro-tempore di congelare le graduatorie per consentire una ulteriore verifica. Il Senato Accademico del 20 maggio ha approvato la richiesta.  
“Credo che, oltre al caso limite di questa studentessa, per gli altri si tratti più che altro di piccoli errori o vizi di  forma, anche perché il bando era poco chiaro in alcuni punti- aggiunge Cozzolino – Ad esempio, la richiesta agli iscritti della Specialistica di consegnare i piani di studio triennali ha creato diversi equivoci”.  Su quest’aspetto la dott.ssa Guidetti si appella, però, al buon senso degli studenti e alla loro onestà intellettuale: “il bando era chiarissimo sulla presentazione dei piani di studio della triennale. Eppure circa il 50% degli studenti non lo ha presentato. Il piano è necessario per calcolare la media ponderata. A questo punto, il problema è sorto per l’immissione dei dati nel sistema informatico:  gli studenti con zero esami nella Specialistica e senza il piano di studio triennale sono stati automaticamente esclusi perché era impossibile calcolare la media dei voti; coloro, invece, che avevano anche un solo esame nella Specialistica, pur senza aver presentato il piano, sono stati accettati automaticamente dal sistema informatico ma la loro media non si può considerare valida – aggiunge – Non può certo considerarsi media un solo esame, magari con un 30! Abbiamo, quindi, dovuto richiedere alla Segreteria tutti i piani di studio triennali per calcolare la media ponderata degli esami e riformulare la graduatoria: a questo punto i sei ragazzi con zero esami esclusi possono essere riconsiderati”.  Gli studenti, comunque, sono stati chiamati a segnalare eventuali errori riscontrati presso l’Ufficio Relazioni Internazionali. In questi giorni sarà pubblicata la nuova graduatoria.
“Questo naturalmente porterà dei disagi ai ragazzi che, risultati vincitori, hanno già preso contatti con le Università ospitanti – commenta Cozzolino – ma chi è fra i primi nella graduatoria sicuramente non avrà nulla da temere, perché gli errori possono interessare al massimo qualche punto. Al contrario, per chi si trova nella parte bassa della graduatoria il riconteggio di quei pochi punti può significare essere o meno idonei o vincitori”. 
(Va.Or.)
- Advertisement -





Articoli Correlati