Grandi mostre a Napoli grazie a Gubitosi e Izzo

“Napoli e la cultura architettonica internazionale 1974 – 1991”, il titolo del volume curato dal prof. Alessandro Castagnaro che sarà presentato il 4 giugno, alle ore 16.00, nell’aula Gioffredo di Palazzo Gravina in via Monteoliveto. Il testo documenta eventi culturali che hanno attraversato quasi  un ventennio grazie all’iniziativa di due docenti di Architettura della Federico II, Camillo Gubitosi e Alberto Izzo: l’organizzazione di quindici importanti mostre sui più significativi  Maestri del Movimento Moderno (“Le Courbusier”, “Walter Gropius”, “James Stirling”, “Luois Kan”, “Frank Lloyd Wright”, “Cento anni di architettura a Chicago”, “Evoluzione dei grattacieli di Chicago”, “Five  Architects di New York”, “Marcel Breuer”, “Van den Broek e Bakema”, “Edoardo Catalano”, “Paolo Soleri”, “Pietro Belluschi”) chiuse da una esposizione su Richard Meier in occasione della laurea Honoris causa conferitagli dalla Federico II nel 1991. Le mostre – allestite nei luoghi più rappresentativi della città, da Castel Nuovo a Palazzo Reale, da Santa Maria La Nova a San Demetrio e Bonifacio, ad istituti di cultura stranieri – furono accompagnate da conferenze, convegni, tavole rotonde e dibattiti. Il libro riporta i testi dei due curatori e quelli di altre personalità descrittivi dell’evento e del dibattito teorico di quel momento storico. 
All’incontro del 4 giugno, attesi i saluti del Rettore Gaetano Manfredi e del Direttore del Dipartimento Michelangelo Russo. Interverranno, tra gli altri, le prof.sse Cettina Lenza e Donatella Mazzoleni. Modera Alfredo Buccaro. Presenti, con l’autore, Camillo Gubitosi e Alberto Izzo.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati