Il Corso verso l’eliminazione del cartaceo

Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie della Chimica Industriale si avvia verso la totale digitalizzazione delle procedure amministrative. Da adesso, anche l’iter di presentazione della tesi di laurea avverrà in maniera completamente digitale, senza più l’obbligo di presentare nella versione cartacea documenti come il riassunto della tesi, il frontespizio e i vari capitoli da sottoporre alla correzione dei professori. “Il cambiamento viene proposto nell’ottica di eliminare del tutto il cartaceo, con l’impegno di un minore impatto ambientale possibile”, afferma la prof.ssa Finizia Auriemma, Coordinatrice del Corso di Laurea. Resta, al momento, nella sua forma fisica su carta la firma originale del relatore di tesi, ma si sta lavorando anche su questo. “Il prossimo step sarà quello di informatizzare anche le firme”, assicura la docente.
Alcuni cambiamenti interesseranno il Corso Magistrale, dopo quelli avvenuti  alla Triennale in Chimica Industriale. L’intenzione principale, sottolinea la professoressa, è rendere al massimo della sua efficacia e meglio fruibile il percorso di studi e gli esami utili alla formazione degli studenti. “È avvenuto un rinnovamento dei contenuti per il Corso Triennale. In alcuni casi il cambiamento è stato sostanziale e in altri solo di forma, a livello degli argomenti trattati all’esame, ad esempio. Abbiamo reputato opportuno, quindi, anche per il nostro Corso di Studi apportare alcune modifiche, dal momento che è il continuo naturale del triennio”. A rappresentare la principale novità di questo nuovo assetto, in vigore dal prossimo anno accademico, è l’articolazione di alcuni esami in moduli, come ad esempio Chimica Industriale I, adesso suddiviso in Chimica Industriale I ed Esercitazioni e Laboratorio di Chimica Industriale I. “La modulazione può rivelarsi molto utile per gli studenti, si suddivide una parte teorica da una più tecnica, di laboratorio. Possono sembrare formalità, ma crediamo che possa essere utile a semplificare il percorso di apprendimento dei ragazzi”, dice la prof.ssa Auriemma.
Resta invariata la divisione del Corso in tre diversi curricula: Prodotti, processi e tutela ambientale; Scienza dei polimeri; Formulazioni industriali. Ad essere state modificate sono, invece, alcune materie per il curriculum di Prodotti, processi e tutela ambientale e i corsi a scelta dello studente consigliati per ogni curriculum.
A.S.
Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati