Magistrati e avvocati in cattedra

Parte il 7 aprile il ciclo dei seminari di studio della cattedra di Diritto processuale penale retta dalla prof.ssa Teresa Bene. Come negli anni scorsi, gli incontri seminariali si caratterizzeranno per la presenza di professionalità diverse che si confrontano su temi di attualità. “Si ripete uno schema che ho già sperimentato in passato e che ho trovato molto positivo”, spiega la docente, “si basa sul confronto tra parti processuali diverse, come magistrati e avvocati. Inoltre, i seminari si sviluppano sempre attorno ad un argomento che suscita vivacità di interessi, come è ad esempio per la tutela del segreto di indagine di cui si parlerà nel primo incontro, un tema che si intreccia con l’intervento dei media”. Il programma prevede due seminari su sentenze importanti, la Drassich e Battistella, i cui relatori saranno presenti in aula. “La sentenza Battistella tocca la questione dei poteri del giudice in udienza preliminare, la Drassich riguarda l’applicazione dell’art.6 della Convenzione dei diritti dell’uomo nel nostro sistema. I relatori si confronteranno con esperti della materia, docenti universitari, in modo da fornire ai ragazzi una doppia visione del problema ed eventualmente stimolare un dibattito. Posso dire con soddisfazione che il dibattito nasce quasi sempre”. I seminari della cattedra della prof.ssa Bene, infatti, sono molto frequentati dagli studenti che, seguendoli, ottengono dei crediti formativi e, soprattutto, completano la loro preparazione. Ad oggi si sono prenotati un centinaio di studenti. “Non è obbligatorio seguire il ciclo”, dice la professoressa, “ma nella presentazione spiego ai ragazzi che i seminari rappresentano un approfondimento che durante il corso non è possibile fare. In genere loro comprendono e viene da sé che li frequentino. Sono occasioni di grande entusiasmo, perché permettono di vedere gli esperti del diritto al lavoro e di incontrare metodi diversi di approccio alle tematiche di studio”. Tra i nomi che prenderanno parte agli incontri ce ne sono alcuni di grande rilievo: il prof. Giuseppe Riccio; il prof. Giorgio Spangher; il Cons. Raffaello Magi, uno dei giudici del primo processo Spartacus; il Cons. Giovanni Canzio, direttore del massimario della Corte di Cassazione. “Tutti coloro che parteciperanno sono professionisti di grande valore”, sottolinea la prof.ssa Bene, “potrei parlare davvero a lungo per ciascuno”. 
Il calendario dei seminari, che si terranno alle ore 14.30 a Palazzo Melzi, è il seguente: 7 aprile. La tutela del segreto di indagine e le attività di polizia giudiziaria – Col. Attilio Auricchio (Scuola Ufficiali Carabinieri); Avv. Angelo Raucci (Foro di Santa Maria Capua Vetere). 20 aprile. Fattispecie penale e poteri del giudice: la sentenza “Drassich” – Prof. Giuseppe Riccio (Università degli Studi di Napoli Federico II); Cons. Domenico Carcano (Corte di Cassazione). 27 aprile. I poteri istruttori del giudice dibattimentale – Cons. Ernesto Aghina (Tribunale di Napoli); Avv. Stefano Montone (Foro di Napoli). 5 maggio. Presupposti e finalità legittime in tema di misure cautelari – Prof. Giorgio Spangher (Università di Roma La Sapienza); Cons. Raffaello Magi (Tribunale di Santa Maria Capua Vetere). 18 maggio. Fatto e imputazione: la sentenza “Battistella” – Cons. Giovanni Canzio (Corte di Cassazione); Cons. Raffaele Piccirillo (Tribunale di Napoli).
Sara Pepe
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati