Rettori e Riforma

Prof. Francesco Rossi
Rettore Seconda Università di Napoli
“La difficoltà più grande è l’incertezza sui finanziamenti, questo ci crea grossi problemi per programmare l’attività. Quest’anno, per la prima volta, abbiamo approvato il bilancio di previsione con grande sofferenza. Il nostro Ateneo ha sempre puntato su servizi agli studenti e fino allo scorso anno abbiamo assegnato premi a studenti meritevoli, incentivato la ricerca e le strutture efficienti delle Facoltà. Purtroppo queste attività saranno ridimensionate”.
“Le cose da fare a questo punto sono tantissime. Da mesi stiamo lavorando sodo verso la Riforma, abbiamo già apportato alcune modifiche allo Statuto legate al Senato Accademico ed al Consiglio di Amministrazione, ci siamo impegnati sul Nucleo di Valutazione ed una Commissione lavorerà sull’ulteriore adeguamento dello Statuto. Stiamo facendo un grande lavoro sulla governance, gli organi collegiali, ma soprattutto sui Dipartimenti che saranno 18-19 rispetto agli attuali 32 con un riassetto più efficiente soprattutto per l’attività di ricerca”.
“Per il futuro sono ottimista, anche se sarà difficile sostenere l’Università, la ricerca e la didattica senza fondi sufficienti. Dobbiamo puntare sull’aggregazione e ci auguriamo un sostegno economico dalla Regione. Se non riusciremo a fare questo potrebbero cambiare tante cose. Bisogna tener conto anche del territorio, in Campania è difficile aumentare le tasse, non abbiamo gli investimenti delle grandi aziende e diversamente da come accade altrove le banche non ci sostengono”.
- Advertisement -





Articoli Correlati