Si ritorna alle videoconferenze per l’affollamento in Aula A1

Archiviata la questione dell’A1 di via Marina, aula in cui più di quattrocento persone erano costrette a seguire i corsi in maniera disagiata. Dopo tanti appelli, gli studenti della V cattedra sono stati ascoltati: le lezioni sono state trasferite al piano terra di via Marina nelle aule A4 e A5. Nella prima il professore tiene la lezione dal vivo, per la seconda è stata ripristinata la videoconferenza, quindi uno schermo proietterà il corso che si svolge nella stanza accanto permettendo a tutti gli studenti di seguire in maniera adeguata. “Una conquista. – ammette Bruno Tessitore dell’Associazione Studenti Giurisprudenza.it – Manca poco alla fine dei corsi ma non ci lamentiamo, siamo stati ascoltati e questo è già un ottimo risultato”. 
Nulla di fatto, invece, per gli studenti del secondo anno IV e V cattedra, costretti a scegliere quale corsi frequentare perché gli orari di lezione si accavallano. Tempi duri per chi non è ancora dotato del dono dell’ubiquità… Il primo semestre è ormai quasi trascorso e con esso se ne è andata anche la possibilità di preparare gli esami seguendo le lezioni. Gli studenti non disperano. “Parlare di discriminazione ormai è inutile – dice Gennaro Sannino, studente V cattedra – Ci stiamo adoperando affinché nel secondo semestre non capiti più nulla di simile. La discriminazione, semmai, si vedrà a partire da gennaio in sede d’esame tra corsisti e non”. 
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati