Una settimana in Friuli in visita ai cantieri navali

L’occasione per trenta studenti di Ingegneria Navale di indossare elmetto e  scarpe di sicurezza è prossima. Dal 2 all’8 marzo, trenta allievi del Corso di Laurea Magistrale visiteranno in Friuli Venezia Giulia le strutture dei Cantieri Navali Montecarlo Yacht, Fincantieri, Wärtsilä Italia S.p.A., Cantieri Navali di Monfalcone e Cantieri Navali di Marghera. “È un’attività che va sfruttata pienamente – consiglia il prof. Guido Boccadamo, Coordinatore del Corso – Per gli studenti è un modo per vedere dal vivo e toccare con mano quello che hanno soltanto letto nei loro libri. In questi viaggi si respira l’atmosfera del mondo del lavoro e chissà che per loro non sia anche l’occasione di farsi notare, di prendere contatti… Magari anche solo per la tesi di laurea”. Il viaggio è organizzato dal prof. Tommaso Coppola e seguiranno i ragazzi anche i docenti Franco Quaranta e Fabio De Luca. “Sarà una settimana molto intensa – prosegue il prof. Quaranta – I ragazzi non si fermeranno un attimo. Incontreranno tecnici, visioneranno progetti, saliranno sulle navi in costruzione, vedranno motori in costruzione alti cinque metri. Sono cose che non si vedono tutti i giorni. Probabilmente ci siederemo anche nelle loro mense. Entrare in cantiere è un’esperienza imperdibile”. La sicurezza è, però, un requisito imprescindibile: “All’ingresso ci forniranno i dispositivi di sicurezza, scarpe ed elmetti. I ragazzi dovranno essere attenti e curiosi e, in settimana, avranno anche un pomeriggio libero che potranno impiegare come preferiscono”.
Ancora all’insegna dell’approfondimento è il seminario, che si terrà tra la fine di febbraio e gli inizio di marzo, “Orientamenti progettuali delle Unità militari di superficie e subacquee” con esponenti della Marina Militare.
- Advertisement -
spot_img

Articoli Correlati