60 istituti scolastici e 5.500 studenti delle superiori a V:Orienta

Santa Maria Capua Vetere, Aulario di Via Perla: l’Università Vanvitelli apre le sue porte, giovedì 28 e venerdì 29 marzo, per il “V:Orienta”, l’annuale appuntamento di orientamento dedicato agli studenti, imminenti maturandi, che a breve dovranno compiere una delle scelte più importanti della loro vita. Molto nutrito il percorso di orientamento volto a presentare l’offerta formativa, le attività, i servizi dedicati agli studenti e le sedi universitarie in cui sono dislocati i vari corsi. Al piano terra stand con brochure informative e quattro aule colorate in cui si tengono le presentazioni per macro area, Aula Rossa (Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentarie, Professioni Sanitarie), Aula Azzurra (Ingegneria, Architettura e Matematica e Fisica), Aula Arancione (Economia, Giurisprudenza, Lettere e Beni Culturali, Scienze Politiche, Scienze del Turismo) e Aula Verde (Biotecnologie, Scienze Ambientali, Scienze Biologiche, Farmacia, Psicologia). Al piano superiore, invece, le aree scientifiche dei Dipartimenti sono nelle aule con team di docenti e studenti universitari per offrire informazioni più dettagliate e rispondere alle domande delle future matricole.
Il Rettore Giuseppe Paolisso interviene in ogni aula e rivolge agli studenti parole di incoraggiamento. Quando gli viene chiesto di collegare tre parole al concetto di cultura, in particolare quella universitaria, risponde: “Conoscenza, progresso, innovazione”. Agli studenti che affronteranno Corsi a numero chiuso dice: “Dovete capire che c’è una selezione. Selezione significa che alcuni di voi ce la faranno ed altri no. È un concetto che fa parte della vita e che dovete accettare. Le selezioni esistono per essere superate, ma chi non ce la fa deve comprendere che non incorre in nessun giudizio negativo. Bisogna essere preparati, consapevoli e determinati nelle scelte. Solo così ce la farete”. Agli studenti che vogliono approcciarsi alle discipline meno gettonate racconta la storia di Samantha Cristoforetti che alle selezioni per entrare negli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea espresse il suo desiderio di essere la prima donna a ricoprire questo ruolo: “Il selezionatore non approvò questa risposta. Invece lei ci è riuscita e anche voi dovete perseverare. Ci sono discipline future, molto innovative, alle quali è bene che gli studenti si approccino e che vi si approccino con le idee chiare. Solo così, percorsi molto complessi diventano più semplici”. Conclude: “I ragazzi di oggi sanno che gli sbocchi lavorativi migliori si ottengono con lauree prestigiose. Buon lavoro, mi auguro che sappiate trarre profitto da questa mattinata”. 
Un Ateneo accogliente ed eccellente
Sul chi è l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” risponde il delegato d’Ateneo, prof. Roberto Marcone: “La Vanvitelli è un Ateneo giovane, vicino agli studenti, attento alle loro richieste e alle loro domande. È un Ateneo generalista, che accoglie circa ventimila studenti ed è attento alle loro necessità. È un Ateneo pronto, ha tantissime risorse scientifiche, Dipartimenti di eccellenza o eccellenze specifiche nei singoli Dipartimenti. Ad esempio…
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 5 aprile (n. 6/2019)
o in versione digitale all'indirizzo: https://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
- Advertisement -





Articoli Correlati