Il meteorologo Paolo Corazzon all’Università Parthenope

Paolo Corazzon, uno dei volti televisivi della meteorologia, membro dello staff di 3BMeteo.com, sito che fornisce le previsioni del tempo a vari quotidiani, settimanali, siti web, canali televisivi e radiofonici, sarà ospite il 18 maggio dell’Università Parthenope. “Al Centro Direzionale, presso la sede del Dipartimento di Scienze e Tecnologie organizzeremo una giornata speciale dedicata alla professione del meteorologo. Corazzon interverrà nell’Aula Magna e farà una panoramica su come sono cambiate le previsioni del tempo, su come si è evoluta la professione. Ci ragguaglierà sulle caratteristiche di questo mestiere in una società privata come quella dove lavora lui”,anticipa il prof. Giorgio Budillon, Prorettore alla Ricerca dell’Ateneo e professore ordinario di Oceanografia e Fisica dell’atmosfera. È un evento molto atteso, quello del 18 maggio, in un Ateneo che propone il Corso di Laurea Triennale in Scienze Nautiche, Aeronautiche e Meteo-oceanografiche ed il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie della Navigazione. Nell’ambito di quest’ultimo è attivo ormai da una decina di anni il curriculum in Scienze del clima. “Attualmente – ricorda Budillon – e dopo che abbiamo adeguato il percorso alle indicazioni del World Meteorological Organization, il curriculum ha ottenuto tramite l’Aeronautica Militare l’autorizzazione a rilasciare l’attestazione che forma meteorologi. In sostanza, chi frequenta il curriculum e si laurea esce dall’Università come meteorologo”. Sono 15, finora, i laureati che hanno ricevuto questa attestazione. Lavorano tutti ed hanno atteso molto poco tempo dopo la laurea per trovare un impiego retribuito. Qualcuno lo ha avuto anche prima di laurearsi”. Nel dettaglio: un laureato lavora come meteorologo presso uno dei siti specializzati che gli italiani consultano in rete con sempre più frequenza; due sono dottorandi con borsa di studio; due sono ricercatori presso il CMCCD, che si occupa del monitoraggio dei cambiamenti climatici; uno è ricercatore universitario; sette sono docenti presso istituti nautici o licei; una persona lavora presso la guardia costiera ed una ha ottenuto di recente una borsa di studio presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie della Parthenope. È una laurea molto professionalizzante insiste il docente – e chi la consegue lavora. Su quindici, per ora, nessuno è a spasso. C’è un rapporto molto stretto tra docenti e studenti e una forte integrazione tra teoria e pratica. Ora, per esempio, stiamo stringendo altre convenzioni, in aggiunta a quelle che esistono già, per ampliare l’offerta dei tirocini. Abbiamo anche in corso contatti con la Stazione zoologica Anton Dohrn”

Fabrizio Geremicca

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here






Articoli Correlati