CNU: esordio da profondo rosso per il calcio a 5

2. Esordio da incubo per i calcettisti del Centro Universitario Sportivo di Napoli che, in vista dei prossimi Campionati Nazionali Universitari (CNU) in programma a L’Aquila a maggio (dal 18 al 26), subiscono una pesante sconfitta dai colleghi calabresi. Alla fine del primo tempo era soltanto uno il gol di distanza tra le due compagini universitarie. Nella ripresa la debacle. I napoletani perdono per espulsione tre calciatori e, di lì a poco, anche il tecnico Marco Russo viene allontanato dal campo. Un bollettino di guerra. A quel punto i catanzaresi hanno preso possesso del campo, imponendosi con cinque reti di scarto. Tanta amarezza e bocche cucite per non alimentare polemiche. Il commento del segretario generale Maurizio Pupo: “do per scontato che la competizione sia seria e regolata da principi di lealtà, a maggior ragione perché parliamo di una competizione tra studenti. Forse nella foga dell’agonismo i nostri si sono lasciati andare”. Il 9 aprile il ritorno tra le mura amiche. L’auspicio: “recuperare i 5 gol e poi farne uno più di loro”. A suonare la carica è il dottor Aldo Apicella, dirigente del Calcio a 5, che invita l’ambiente a riprendersi sul rettangolo di gioco un sogno che sembra per ora compromesso: “all’andata abbiamo perso male. Lascio da parte qualsiasi polemica. Ciò che conta è il campo. Il primo tempo è stato molto equilibrato. Ripartiamo da lì”. Per il ritorno: “cercheremo di rafforzare la squadra e di combattere per raggiungere il traguardo con l’augurio di aver segnato alla fine un gol più di loro”. Serve un miracolo. “E qualche volta accadono”, il commento del tecnico Russo.
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati