Lucio Gialanella è il nuovo Direttore di Matematica e Fisica

Con 43 voti è stato eletto Direttore del Dipartimento di Matematica e Fisica per il triennio 2018/2021 il prof. Lucio Gialanella, docente di Elementi di Fisica Nucleare e Subnucleare, Nuclei e Astroparticelle, Laboratorio di Fisica II del Corso di Laurea in Fisica. Su 59 aventi diritto di voto, lo scorso 23 luglio hanno votato in 50 con un’affluenza dell’84,75%. Ed è bastato il primo turno di votazioni a decretare il nuovo Direttore, che sostituirà il prof. Antonio D’Onofrio, come rappresentante di tutte e tre le aree disciplinari del Dipartimento che oggi si presenta non molto grande ma sicuramente costituito da un corpo docente molto affiatato e compatto. Un Dipartimento nuovo per composizione, è stato attivato nel 2012 dalla fusione del precedente Dipartimento di Matematica con i componenti Fisici, Matematici, Geofisici e Chimici provenienti da altri Dipartimenti dell’Ateneo. Una realtà giovane la cui comunità si va ad affermare nel tempo. “Ci sarà continuità con la precedente direzione – afferma il neo Direttore – ma in questa fase di evoluzione che interessa tutti i Dipartimenti, anche il nostro ha intrapreso la strada del consolidamento”. العاب بوكر للكبار Ciò implica la concretizzazione di progetti che riguardano in particolar modo gli enti di ricerca con i quali il Dipartimento ha già avviato da tempo delle collaborazioni nell’ambito dell’offerta formativa ma anche, e questa è la novità, nel settore della formazione per incentivare prospettive di occupazione, sviluppo e ricerca avanzata. Il Dipartimento ha infatti uno stretto legame con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, l’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, con il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze Fisiche della Materia, l’Istituto Nazionale di Alta Matematica e il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche). “Mi piacerebbe coinvolgere questi enti di ricerca anche nella didattica e non soltanto, come già avviene per  scelta dei laureandi, nella fase di stesura delle tesi di laurea, ma attivare addirittura nuovi insegnamenti”, anticipa Gialanella. Una nuova fase, dunque, volta non solo a creare maggiori opportunità di crescita per gli studenti ma soprattutto a migliorare e ad agevolare la loro vita all’interno dell’Ateneo e quindi di conseguenza la qualità dello studio. مواقع المراهنات Ad oggi le aule studio non sono capaci di accogliere tutti gli studenti, così come gli orari di apertura delle biblioteche non soddisfano le loro esigenze. لعبة البلاك جاك “Quello che oggi ha la priorità è il miglioramento dell’offerta di spazi dedicati allo studio – continua il Direttore – e su questo aspetto l’Ateneo mostra una certa sensibilità e disponibilità a fare qualcosa di concreto assieme al Distabif (Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali, Biologiche e Farmaceutiche), presa coscienza che l’Università è rivolta principalmente allo studente”. La volontà c’è, le soluzioni arriveranno. “Contiamo di risolvere nel giro di poco, ci risentiamo tra un anno e potremo allora tirare le somme”. 
Claudia Monaco
- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati