Open Week, il Suor Orsola orienta gli studenti delle superiori

“Noi non vogliamo attrarre iscritti. Vogliamo, invece, offrire agli studenti del quarto e del quinto anno delle scuole secondarie di secondo grado gli elementi per una scelta più consapevole”, afferma la prof.ssa Paola Villani in qualità di delegata all’orientamento di Ateneo riferendosi alla vicinissima “Open Week”. L’appuntamento centrale del Servizio di Orientamento, “che nasce come pratica di tutte quelle teorie pedagogiche che affondano le radici nella formazione del Suor Orsola”, quest’anno alla quindicesima edizione, si terrà online (sulla piattaforma Google Meet) dal 22 al 26 marzo in orario pomeridiano.
La particolarità di questo evento è che ciascuno studente sceglie quali attività seguire. Per ogni Corso di Studio (i due Magistrali quinquennali a ciclo unico in Giurisprudenza e Scienze della formazione primaria, i Triennali in Lingue e culture moderne, Conservazione e restauro dei Beni Culturali, Scienze dei Beni Culturali, Scienze dell’educazione, Economia aziendale e Green Economy, Scienze della comunicazione, Scienze e tecniche di psicologia cognitiva) è prevista una presentazione, una lezione demo (da Istituzioni di diritto privato a Storia della pedagogia, da Finanza ed etica aziendale a Semiotica) e la simulazione dei test di ingresso, con anche la possibilità di prenotare un colloquio personalizzato con i tutor. Possibile anche prenotare una videochat individuale con i servizi di Ateneo: Orientamento e tutorato; Saad dedicato agli studenti con disabilità e Dsa; Erasmus per cominciare a progettare un periodo di studio all’estero che aiuta ad allargare gli orizzonti, approfondire una lingua straniera, conoscere un’altra cultura; Placement office & Career service per facilitare le prime esperienze nel mondo del lavoro, durante e dopo il percorso di studi universitario, grazie a convenzioni e accordi con Enti e Aziende; Segreteria Studenti per delucidazioni su tasse, borse di studio, agevolazioni economiche e norme amministrative.
La modalità di sviluppo dell’Open Week di quest’anno risponde alla crescente difficoltà degli studenti in DAD di trovare occasioni di orientamento universitario, una scelta fondamentale che si fa sempre più complessa con l’esponenziale aumento dei Corsi di Laurea offerto da tutti gli Atenei italiani. Per questo motivo è importante per gli studenti attivarsi già dal quarto anno dal momento che i primi test di ingresso sono a marzo del loro ultimo anno e rischiano di non avere ancora le idee chiare.
“Consiglio sempre agli studenti di iscriversi a tutte le attività perché devono avere mille dubbi, devono seguire mille attività anche di Corsi di studio che reputano lontani dal loro interesse… non si sa mai! Se il ragazzo alla fine dell’Open Week ha capito che non si iscriverà al Suor Orsola abbiamo comunque avuto successo perché gli abbiamo fornito gli strumenti per capire che non desidera seguire quel dato percorso. Questo è il nostro obiettivo sia come Ateneo che come docenti: dare elementi per una scelta che è tra quelle più complesse e decisive della propria vita”, conclude la prof.ssa Villani.
Maria Cristina Actis

Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it

- Advertisement -
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati