Seminari integrativi di Diritto del Lavoro

Si concluderanno a marzo i seminari integrativi di Diritto del Lavoro organizzati dalla I e V cattedra, titolari i professori Mario Rusciano e Lorenzo Zoppoli. Le lezioni, rivolte agli studenti che intendano sostenere l’esame in questa sessione, ampliano il programma affrontato durante il corso. Un’iniziativa lodevole, che offre la possibilità di ripetere alcuni aspetti della disciplina considerati ostici. “Le lezioni sono rivolte a tutti, anche se sarebbe opportuno avere una base di conoscenza da cui partire. I seminari sono stati pensati anche per chi non abbia avuto la possibilità di seguire i corsi”, spiega il prof. Rusciano. Una chance di approfondimento che si presenta come un’occasione ghiotta per gli studenti che sappiano sfruttare al meglio l’intento delle lezioni. “Si è formato un gruppo di 30-40 ragazzi – racconta il docente – e fin dalla prima lezione è stato chiarito il taglio che si darà ad ogni incontro. La materia viene sviscerata, gli argomenti ostici vengono esplorati in modo particolare, si forniscono delle diverse chiavi di lettura al manuale di studio”. Un’esperienza possibile “perché diretta ad un numero ristretto di frequentanti. Per questo motivo la partecipazione dovrebbe essere limitata a chi sosterrà l’esame a breve”. Perché scopo fondamentale delle lezioni è quello di “non disperdere la didattica formulata durante i corsi. La frammentazione degli argomenti è nemica di una buona preparazione e quindi di un buon esito della prova d’esame – ribadisce il prof. Rusciano – I seminari quindi sono destinati a coloro che hanno scadenze brevi da rispettare”. Gli incontri, a cadenza settimanale (ogni martedì), si svolgono nell’aula del Dipartimento di Diritto dei Rapporti Civili ed economico-sociali, al settimo piano di Porta di Massa. “Le iscrizioni sono ancora aperte e gli studenti interessati possono rivolgersi al Dipartimento per ottenere delucidazioni – spiega il prof. Lorenzo Zoppoli – Le lezioni sono concepite in modo interattivo, d’altronde sono frequentate da studenti motivati e per questo sono più mirate e meno dispersive”. Un aiuto concreto “che avvantaggia chi a breve dovrà sostenere l’esame entro questa sessione”. 
Entusiasti gli studenti che hanno aderito all’iniziativa. “C’è stato solo un primo incontro – commenta Fausto, studente al terzo anno – e già sono stati chiariti alcuni concetti di base. Trovo la partecipazione ai seminari molto utile, studiare con l’ausilio degli assistenti è veramente incoraggiante”. “Le tematiche affrontate durante il corso – sottolinea Mario, al secondo anno – vengono approfondite con un approccio diverso, completo e attento, capace di mirare al nocciolo della materia”. Di parere concorde Stefania: “è un modo per studiare gli argomenti più difficili, le domande trovano risposta nell’immediato. Per questo la frequenza è utile, alla fine delle due ore si ritorna a casa con maggiori certezze, senza dover più riprendere l’argomento trattato”. Temi dei prossimi incontri: (l’8 febbraio, ore 14.30-16.30) ‘Il diritto antidiscriminatorio’ con la dott.ssa Rosa Casillo; (il 15 febbraio, ore 12.30-14.30) ‘La riforma del lavoro pubblico: contrattazione e valutazione’, con il dott. Pasquale Monda. 
(Su. Lu.)
- Advertisement -





Articoli Correlati