A luglio una Summer School italo-cinese

Stampanti 3D, sistemi di comunicazione 5G, produzione industriale sensoristica e controllo robotico delle linee di produzione. All’insegna dell’industria 4.0 e della rivoluzione digitale si avvicina la quarta edizione della Summer School italo-cinese attivata nell’ambito del progetto di cooperazione scientifico-didattica CI-LAM, China-Italy Joint Laboratory on Advanced Manufacturing. Siglato nel 2017 – tra i partner fondatori ci sono le Università cinese di Tsinghua, di Bergamo e Federico II con il Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione (DIETI) – il progetto CI-LAM ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare i risultati di una ricerca congiunta e all’avanguardia nel campo dell’Advanced and Smart Manufacturing.
Aperta a studenti che stanno concludendo il percorso Magistrale e a dottorandi, principalmente in Ingegneria ed Economia, “quest’anno la Scuola si terrà dal 18 al 22 luglio in due sedi che saranno virtualmente collegate: l’Università di Bergamo, che ospiterà gli studenti dell’area italiana ed europea, e la Tsinghua University a Pechino, per quelli di area cinese”, spiega il prof. Giovanni Breglio, referente dei rapporti istituzionali scientifici con la Cina per il DIETI. Quanto alle lezioni, questi saranno i temi: “Sensori MEMS, design ispirato da strutture bioniche per stampanti 3D, elettronica integrata, cyber security per le aziende, nuove tecnologie per l’illuminazione elettronica, controlli automatici delle macchine elettriche”. È prevista anche una visita aziendale: “Sarà nel bergamasco, presso un’azienda che si occupa di costruzione di robot per la manifattura. A settembre, finita la Scuola, ci sarà un test da sostenere per poi ottenere l’attestato di partecipazione”. E ancora: “Ulteriori informazioni saranno disponibili con la pubblicazione delle call per l’accesso che sono in fase di preparazione”. Poi aggiunge: “A questo giro, oltre al DIETI, saranno coinvolti anche i Dipartimenti di Ingegneria Industriale e di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione Industriale. Il Memorandum del 2017 oltretutto è in scadenza per cui siamo in fase di accordi per una nuova firma”. Sul CI-LAM il prof. Breglio è intervenuto proprio di recente, in occasione di un incontro tra il Rettore Matteo Lorito e l’Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese, Li Junhua, lo scorso 20 aprile: “Si è trattato di una visita di cortesia finalizzata a rinsaldare i rapporti tra l’Ambasciata e il nostro Ateneo. La visita della delegazione cinese è stata l’occasione per fare il punto sugli accordi attuali e, immagino, per gettare le basi per nuove proposte di cooperazione”.

C. S.

Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli Correlati