Libri in dono agli studenti: in 37 minuti distribuiti circa mille volumi

Una iniziativa lodevole: Saper(e) Circolare

Donare e diffondere cultura. Gli imperativi alla base dell’iniziativa ‘Saper(e) Circolare’ del Dipartimento di Studi Umanistici, che mira ad unire i principi chiave dell’economia circolare al volontariato responsabile. La strutturazione consiste in una serie di incontri, avviati a partire dallo scorso aprile, per gli studenti iscritti ai Corsi di Laurea del Dipartimento e per giovani studiosi federiciani. Gli oggetti chiave che verranno regalati? La fonte primaria della distribuzione del sapere scientifico, ovvero i libri.
Si segue la spinta all’apertura della cultura nella forma dell’Open Access, perlopiù correlata a contenuti digitali, ma restando ancorati alla materialità del libro, indispensabile nella formazione umanistica. La modalità è stata pensata in un doppio formato, per un duplice vantaggio da offrire ai fruitori. “Durante il periodo dei corsi – spiega la prof.ssa Maria Chiara Scappaticcio, docente di Lingua e letteratura latina, curatrice del progetto – ci sarà un incontro al mese presso il chiostro della sede di San Pietro Martire nel quale i ragazzi potranno prendere gratuitamente e portare a casa libri pubblicati dai professori dei loro corsi, scegliendo in base alle varie aree tematiche: filosofia, storia, pedagogia, antichistica, etc.”.
In questo modo, i docenti aderenti “potranno presentarsi nei confronti dei loro allievi non come semplici erogatori di lezioni ma anche e soprattutto come studiosi, enfatizzando le loro personali linee di indagine scientifica e ciò che si studia in modo sperimentale all’interno del Dipartimento, facendo avvicinare gli studenti alla ricerca anche in vista dei loro lavori di tesi, prima prova in quest’ambito”. E oltre a ciò, l’obiettivo è anche quello di “affidare alle migliori mani che si possano sperare contenuti spesso anche molto onerosi in termini di spese”.
Non solo, l’iniziativa trova il sostegno anche della Biblioteca di Ricerca di Area Umanistica (BRAU) che “offrirà alternativamente la sua sede per donare tutti quei libri che sono doppi all’interno della propria collezione archiviata e catalogata”. Si tratta spesso di manufatti “preziosi e prestigiosi, in particolare nel settore dell’antichistica come per i classici latini e greci che, nella stragrande maggioranza dei casi, uno studente non può permettersi di acquistare”.
Le prime prove testimoniano già un “successo clamoroso. Nel secondo incontro, tenuto il 28 maggio a Porta di Massa, in 37 minuti sono stati portati via, dai tavoli esposti, circa mille volumi”. Si tratta di un procedimento “autogestito. Il che semplifica di molto la sua riuscita”. Il prossimo evento prima della pausa estiva si “terrà in BRAU nel mese di luglio, per poi proseguire direttamente ad ottobre con l’inizio del nuovo anno accademico”. La docente informa inoltre che il calendario degli incontri sarà “pubblicizzato attivamente attraverso i canali dell’Ateneo e per gli eventi in Brau sarà anche annesso un annuncio sul sito ufficiale della Biblioteca”. Gli studenti sono avvisati.
Giovanna Forino

Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli

Ateneapoli – n.10 – 2024 – Pagina 21

- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here






Articoli Correlati